giovedì 12 ottobre 2017

L'importanza del mentore

Mèntore: dal nome di un personaggio dell’"Odissea" e poi di "Les aventures de Telemaque"di F. Fénelon, è colui che aiuta e consiglia Telemaco, figlio di Ulisse, durante l’assenza del padre. Significa fido consigliere, guida saggia e paterna.



Un mentore è qualcuno che noi eleggiamo come guida, può essere una persona che conosciamo ma anche ad esempio, un autore dei tempi passati. Nei momenti più difficili, il mentore ti aiuta a trovare la strada giusta da percorrere, ti da delle "dritte" per raggiungere un obiettivo che lui ha già raggiunto. Questo principio è anche il cardine della Programmazione Neuro Linguistica, la quale parte dall'assunto di base per il quale se una persona ha successo in un certo campo, posso copiare il suo comportamento(e le sue credenze e le sue emozioni) e avere successo anche io.

Un Mental Coach può essere un mentore, ma quando parliamo di raggiungere obiettivi è meglio cercare una persona che ha già fatto una determinata strada e ha avuto successo, ecco perché ci accodiamo a lui, perché ci indichi la scorciatoia e ci faccia fare meno errori possibile. 
Non fanno forse la stessa cosa i genitori con i figli? Se insegnano loro a prendere la pentola bollente con le presine di stoffa è per evitare di fargli bruciare le dita...loro a loro volta lo hanno imparato dai loro genitori, ma chissà, all'inizio dei tempi ci sarà stato qualcuno che scolando la pastasciutta si è bruciato! :-) 

A parte gli scherzi, se ci pensi, quasi in ogni cosa abbiamo un mentore, ne abbiamo tanti e spesso non sono scelti consapevolmente ma ce li siamo ritrovati (genitori, professori, medici di famiglia,ecc). Per cuocere la pasta non è necessario avere chissà quali competenze specifiche, ma quando si parla di come gestire la propria vita personale, raggiungere il successo a scuola o nel lavoro, avere il massimo benessere fisico e finanziario, fino a imparare le cose più specialistiche, diventa FONDAMENTALE SCEGLIERE BENE. 

E tu hai scelto da sola i tuoi mentori? 

Se ti sembra di no, prendine coscienza e inizia a individuare dei riferimenti nelle varie aree della tua vita. Quando poi scegli un mentore proponiti, e fagli delle domande. Chiedigli/le "Tu che hai avuto successo in questa cosa, mi insegni la via più breve per arrivare in cima come te?". Non aver paura che le persone non vogliano svelarti i loro segreti..il più delle volte gli altri sono lusingati quando vengono riconosciuti come mentori e  non vedono l'ora di trasmetterti tutto il loro sapere. :-) 

In un prossimo post ti svelerò la lista dei mentori che ho per le varie aree della mia vita quindi se sei curiosa non perderti il post di mercoledì prossimo.

Ciao!!

giovedì 5 ottobre 2017

Perché alleno parte bassa e parte alta separatamente

Fin da quando ho iniziato ad andare in palestra seriamente (correva l'anno 2000 dc) vedevo i maschietti allenarsi per gruppi muscolari e le donne invece fare quelle mega schede lunghissime che comprendevano tutto il corpo ad ogni seduta.

Naturalmente feci così anche io per alcuni anni, finché trovai un primo istruttore illuminato (non si usava ancora il personal trainer :-D ) il quale mi insegnò ad allenare il corpo dividendolo per gruppi muscolari. Risultato? Andavo in palestra tutti i giorni perché altrimenti non sarebbe bastata una settimana, per allenarmi in maniera armoniosa! 
Mi innamorai poi dei corsi da sala e per anni feci di tutto: gag, aerobica e step come se non ci fosse un domani. Mi appassionai poi alla corsa e poi allo spinning che feci per circa due anni. Poi pilates e pesi. 
Quando conobbi mio marito, un appassionato di palestra e body building, ricominciai ad allenarmi a “pezzi”, suddivisi in 5 allenamenti settimanali, ma a quell'epoca avevo ancora il tempo e la libertà di farlo, perché non ero ancora mamma. 
Negli ultimi due anni ho cercato una soluzione compatibile con i nuovi ritmi familiari, mi alleno quindi seguendo questo schema : 1 volta upper body (braccia petto e spalle) , una volta lower body (gambe, glutei, polpacci), un volta core (plank e addominali). Se avanza (per miracolo) una volta in più faccio esercizi cardio. :-)

Il bello di questo è che al massimo in 4 volte hai fatto VERAMENTE tutto, ma anche gli allenamenti importanti sono 3 ed è questo un  numero che per ora mi sento di potermi quasi garantire. 

Il quarto se c’è bene e sennò pazienza. 
E anche che se mi voglio allenare a casa o all’aperto posso farlo sia con l’allenamento plank che con l’hiit. 
Altro vantaggio, non ho mai i doms (dolori dopo allenamento) a tutto il corpo insieme ma sempre a una parte sola, tipo quando ho le gambe a pezzi, faccio fatica a scendere le scale e sedermi sulle sedie, a almeno le braccia e il petto stanno bene e, se avete mai provato, sapete cosa significa avere i doms in tutto il corpo!

Il mio consiglio è quindi, inizia con un allenamento full body, se è la prima volta che vi avvicinate ad una palestra e poi passate a quello split (suddiviso) cosicché possiate vedere crescere più intensamente i muscoli e la vostra forma. 



Buon allenamento e al prossimo articolo!

venerdì 26 maggio 2017

Chi semina di nascosto raccoglie molto di più


Ho aperto la mia attività come Diet Coach e Fertility Coach in maniera professionale a gennaio di quest’anno. 
A volte ancora mi stupisco quando ricevo un mail o un sms di nuove clienti che vogliono fare coaching. 
Domande da clienti acquisite (quasi amiche!) che mi scrivono “Lucia ci sentiamo un attimo che ho bisogno?".
Oppure, persone sconosciute “Ho letto di lei qui o li, e vorrei tanto parlarle per iniziare a stare meglio." 

Ognuno di questi messaggi mi fa sentire per un momento incredula e fortunata. Poi però ci penso meglio e mi rendo conto che non è che tutto questo sia arrivato dal nulla. 

Alla mia tesi di laurea (In letteratura americana se te lo stessi chiedendo) portai un'autrice cino americana di nome Maxine Hong Kingston, e in uno dei suoi libri diceva “Il duro lavoro fatto in silenzio e di nascosto ti porterà poi un enorme riconoscimento da parte degli altri”.


Ho avuto modo di sperimentare la sensatezza di questa frase più volte nella vita sopratutto in questa esperienza. Avevo un amico parecchio coinvolto e interessato alla politica, e io che non ci capivo nulla e praticamente non avevo mai letto un quotidiano in vita mia, seguii il suo suggerimento e iniziai a comprare il giornale ogni giorno. Il mio obiettivo era di leggerlo tutto dalla prima all'ultima pagina, compresi spettacoli, e approfondimenti. Quando in una giornata non riuscivo a finirlo lo tenevo da parte e passavo la domenica mattina a finire tutti gli articoli della settimana. Mentre leggevo, sottolineavo ciò che non capivo e tartassavo poi il mio amico di domande per farmi spiegare concetti e personaggi. :-) 

Tutto questo studio, di cui nessuno si accorse perché svolto nell'intimità di casa mia e non in un'aula di università, mi portò grandissimi benefici! Ero più attiva e consapevole nelle conversazioni con gli altri, ero sul pezzo per quanto riguardava tutte le novità, mi divertivo a conoscere cose nuove(conobbi il metodo di cui sono coach proprio leggendone la storia su un quotidiano), nei colloqui di lavoro potevo passare agevolmente da un argomento all'altro e credo fu il plus che mi fece assumere nella grande azienda dove lavoravo a Milano. Quell'anno vinsi persino un premio su Radio Deejay al Cruciverbone di Natale proprio con una domanda sulla politica!!

Nel mio lavoro ho fatto la stessa cosa. Dal 2012 anno in cui decisi che volevo fare la coach…ho letto più di 130 libri sui quattro argomenti che tratto (miglioramento personale/pnl; benessere/dieta/stile di vita sano; legge di attrazione/spiritualità; gravidanza/fertilità). Ho frequentato innumerevoli corsi e conferenze sia in aula che web, ho preso 4 certificazioni come coach, ho erogato circa 200 ore di coaching gratuite (o quasi) ad amici e parenti, ho creato e sviluppato progetti, tabelle Excel e Gantt, ho scritto pagine su pagine di appunti, ho provato e riprovato ricette e tipi di allenamenti, ho sperimentato le tecniche di cambiamento su di me e la mia famiglia, ho costruito pagine Facebook e siti web per le mie passioni scrivendo post quasi ogni giorno. E tutto questo lavoro silenzioso e quasi invisibile sta ora dando finalmente i suoi frutti in maniera naturale, proprio come lo è il ciclo delle piante, se semini bene prima o poi raccogli.
Questo è tranquillizzante perché anche nei momenti più duri del più duro dei lavori silenziosi sai che stai traendo dei benefici...anche se li vedrai più avanti! Ma quando arriveranno...oooh allora si che potrai anche un pochino (ma poco) rilassarti. ;-) 



Ti va di raccontarmi se anche tu hai vissuto o stai vivendo un’esperienza simile? Quali conclusioni ne trai? Lascia un commento al post! 


giovedì 4 maggio 2017

3 Regole per il successo


Ho scelto come argomento per questo mese il Successo, che non significa necessariamente soldi o carriera, per come la vedo io il successo è quello delle piccole cose, quello di vivere una vita appieno, serena e godersela tutti i giorni!
Puoi usare queste regole per la tua vita privata, lavorativa, spirituale, per obiettivi di salute, come genitore, nelle relazioni, nel voler contribuire alla comunità e al mondo, o qualunque altra cosa su cui tu vuoi raggiungere un risultato.
Sono regole semplici  e concrete, che ho appreso dai migliori trainer e formatori del mondo, che uso quotidianamente e mi aiutano ogni giorno a raggiungere ciò che mi prefiggo.
Queste tre colonne della formazione sono i più forti e coerenti che mi sia capitato di incontrare e ascoltare. A fondo pagina ti segnalo libri e link per approfondire la loro conoscenza.
  1. Regola da ANTHONY ROBBINS : Quando prendi una decisione fai sempre seguire un’azione concreta. Immagina che ti arrivi una buona idea per il lavoro, o di decidere di iniziare a mangiare più sano o di iscriverti in palestra, o di voler organizzare un week end con le amiche senza figli e mariti. Appena l'idea ti balza in testa fai seguire subito un’azione, anche piccolissima. Scrivi un appuntamento sulla tua agenda, o fai una telefonata oppure una ricerca su internet. O crea una cartella sul desktop(la mia preferita). Se farai questo, sarà molto difficile lasciar perdere quell’idea che hai avuto, perché continuerà a ronzarti in testa finché non l’avrai realizzata. Durante le mie coaching se una cliente mi dice “ Lucia ho deciso di iscrivermi in palestra.” Io rispondo " Allora adesso cerchiamo assieme la palestra più comoda per te su internet e la chiamiamo, così fissi subito un appuntamento per informazioni" Estrema? Forse, ma funziona. ;-) 
  2. Regola da BRIAN TRACY: ripeti tantissime volte una nuova abitudine che vuoi fare tua e diventerà automatica.  Quando decidi che vuoi iscriverti in palestra ma poi ci vai una volta al mese, alla quarta volta ti sei stufata  e molli, con il risultato di ritrovarti più frustrata di prima perché pensi di aver fallito. Se decidi che vuoi imparare a fare una cosa nuova devi ripeterla più volte che puoi e tutte le volte che ne hai l’occasione! Hai deciso che non vuoi più arrabbiarti con tuo marito quando lascia in giro i calzini sporchi? Comincia a farlo una volta(butta i calzini nel cesto della biancheria senza dire nulla oppure decidi di lasciarli li senza arrabbiarti), poi due, poi tre, e ti accorgerai alla ventesima che ti verrà automatico. Anche il marito però poi dovrebbe conoscere la regola 2 per imparare a esser più ordinato. :-)
  3. Regola da JACK CANFIELD: Impara di più. Leggi, studia e diminuisci il tempo che passi davanti alla tv o allo smartphone. Segnati dei momenti in agenda riservati a guardare la tv e a cazzeggiare sullo smartphone, e per tutto le altre volte invece scegli i libri.
Se ti è piaciuto il post ti propongo di usare l’hashtag #3regoledisuccesso per farmi sapere in che modo metterai in pratica i suggerimenti da ora in poi.


Anthony Robbins "Come migliorare il proprio stato mentale, fisico e finanziario", Bompiani
www.tonyrobbins.com
Jack Canfield "I principi del successo", Gribaudi
Brian Tracy "Massimo rendimento", Sangiovanni's strategies




mercoledì 26 aprile 2017

Estate in forma? Dichiaralo!



Un obiettivo è un desiderio con una data di scadenza.
Non so chi abbia detto questa frase ma è un buon modo per darti un indizio sulla differenza tra sogno e obiettivo.
Mancano circa due mesi alle vacanze estive e voglio indicarti il modo migliore per scrivere una dichiarazione che ti impegni per raggiungere il tuo giusto peso, quella forma che ti farà sentire bene, in forma, energica e sexy.
Prendi un foglio di carta bianco e inserisci in testa questa formula precisa
"Io sottoscritta NOME COGNOME, dichiaro con assoluta fermezza, coerenza, impegno  e passione, di voler raggiungere...."
E subito sotto inizia a scrivere ciò che desideri ottenere, ma fallo seguendo questi prìncipi.
Specifico
Spiega esattamente che cosa vuoi ottenere, con dovizia di particolari. La domanda da farti prima di scrivere questa parte è "Che cosa deve succedere perché io senta di aver raggiunto il  mio obiettivo?".
Misurabile
Inserisci dei dati che siano riconoscibili e misurabili e sui quali non puoi barare. Non mettere solo il peso che vuoi vedere sulla bilancia, ma anche i cm che vuoi misurare di vita o fianchi, la taglia in cui vuoi entrare, i km che vuoi riuscire a fare di corsa, i piani di scale che vuoi riuscire a salire senza fiatone, ecc. Ricorda anche che molto più importante scrivere gli altri valori invece del peso, come ad esempio i cm e la taglia. Il peso è un dato troppo variabile e fluttuante, e potrebbe non cambiare molto, se mentre mangi meglio ti occupi anche di far crescere i tuoi muscoli. Se diminuirai grasso ma aumenterai muscoli il peso potrebbe addirittura aumentare. A quel punto fa testo come ti senti nei vestiti, che taglia porti e che forma hai.
Positivo
Scrivi tutto ciò sempre in positivo, non mettere quanto chili vuoi perdere ma quanti ne vorrai pesare. Non scrivere ad esempio "Non voglio più alzarmi stanca la mattina" scrivi invece "Voglio svegliarmi ogni giorno alle 7.00 con energia e voglia di fare, voglio sentire un fuoco di energia bruciare tutto il giorno dentro di me".
Raggiungibile e ragionevole
Scrivi un obiettivo che abbia senso, che sia raggiungibile ma anche motivante, se pesi 90 chili e decidi di perderne 3 in due mesi, al tuo sistema nervoso non importerà nulla di raggiungerlo, perché quel peso non farebbe certo la differenza nella tua vita. Il sistema nervoso non si emoziona per un obiettivo così. Se invece scrivi che alla fine dei due mesi avrai una taglia in meno, caspita quello si che farebbe la differenza, non credi? Se impari ad emozionare il tuo sistema nervoso sarà lui che farà qualunque cosa pur di raggiungerlo.
Ecologico
L'obiettivo deve essere positivo per te e per le persone che ti stanno a cuore. Se per raggiungerlo devi fare cose spiacevoli o sminuenti, allora trova un'altra strada. Se ad esempio tu decidessi di prendere delle anfetamine o di affamarti seguendo delle diete non sane, non sarebbe un'idea molto ecologica, farebbe del male a te sia fisicamente che psicologicamente, e farebbe preoccupare i tuoi cari.
Responsabilizzante
Il raggiungimento dell'obiettivo deve dipendere solo da te, ecco perché devi evitare beveroni, pillole magiche, creme dimagranti, ginnastica con strani marchingegni che promettono di farti perdere 1200 kcal a seduta, ecc. Se ti affidi a cose simili sarà molto più facile fallire perché potresti dare la colpa a questi "terzi" e non impegnarti.

Exciting
Un buon obiettivo deve farti venire il pepe al culo, deve emozionarti solo a leggerlo, solo a pensarlo, altrimenti non metterai l'impegno necessario. Per fare ciò inserisci nella tua dichiarazione degli aggettivi  e sostantivi che lo rendano (per te) emozionante. Ad esempio parole come :leggerezza, dinamica, super, fighissimo/a, sexy, divertente, potente, energica, energia, passione.

Ora termina la tua dichiarazione scrivendo
"Raggiungerò tutto questo entro il ....."  (metti una data precisa)
e poi firmala.
Appendila dove la puoi vedere e leggere almeno tre volte al giorno.

La prossima volta ti spiegherò come fare per mantenere alta la motivazione durante il tempo che ti serve per raggiungere il tuo obiettivo!
La tua coach
Lucia





mercoledì 12 aprile 2017

Creare il cambiamento


Il cambiamento è la cosa di cui possiamo essere assolutamente sicuri nella vita. 

Pensa che ogni organo del corpo umano cambia tutte le sue cellule con tempi variabili, chi in un giorno chi in alcuni mesi, ma è costantemente in rinnovamento. 
Al contrario, non saremo mai sicuri che le cose rimangano come sono ora, tanto vale abituarcisi e sviluppare delle buone qualità che permettano di dialogare con il cambiamento in modo piacevole e motivante, giusto? :-) 

Quando hai un obiettivo, una parte di te fa naturalmente dei cambiamenti. Ad esempio, se vuoi perdere peso e sai che muoverti ti farebbe bene , ti potrà venire spontaneo fare qualche passo a piedi in pausa pranzo.

Ma che cosa succede se invece ti sei costruita una personalità che dice "Io sono pigra" a chiare e giganti lettere? Magari fai tante battute con gli amici su questo argomento, oppure quando chiacchieri con un collega sottolinei il fatto ti senti simile a un gatto e staresti a dormicchiare tutto il giorno, magari un gatto ce l'hai sul serio e lo adori proprio perché quella sua calma ti ricorda che è bello essere pigri.
Magari qualcuno ti ha regalato una tazza che si chiama "lazy mug"(esiste!!) e che tu adori. Magari la tua foto profilo di Facebook ti ritrae su un' amaca. 

A questo punto, capisci, la difficoltà non sarà solo di cambiare le azioni che devi fare (andare a camminare) ma si tratta di un cambiamento molto più profondo. Dovrai cambiare un pochino la tua identità, o meglio, l'immagine che tu hai della tua identità, e iniziare a vederti diversa, creando così nuove credenze.
Forse pensi che se cambi non sarai più la stessa, o che il cambiamento ti fa paura, o che se cambi non ti riconoscerai più e non sarai più quella magnifica personcina che sei ora e che tutti adorano. :-) 
Questa paura di snaturarci è così radicata a volte che preferiamo mantenere un comportamento che sappiamo essere dannoso, piuttosto che modificare anche di poco la nostra personalità. Diciamo a noi stesse "Ma io mi adoro così, se cambiassi questa cosa di me non sarei più io, quindi perché cambiare?"

Ti faccio un esempio. Quando io soffrivo di disturbi alimentari, mangiavo velocissima e con grande foga. Ero normopeso e nessuno mi aveva mai detto nulla di negativo al riguardo, ma internamente io stavo tutt'altro che bene. Avevo però creato una credenza cosi forte legata al mangiare in quel modo, che non riuscivo nemmeno ad immaginare di poter essere diversa. 
Nella mia testa la credenza era così:

donna che mangia veloce e con foga=donna di vere passioni 

Chissà come è nata questa idea! L'avrò letto su qualche rivista, poi magari qualche ragazzo con cui sono uscita a cena avrà fatto un commento del genere e poi magari una conoscente che mangiava veloce mi avrà confermato di essere anche lei un tipo molto passionale. Et voilà! 

Ecco confezionata una bella credenza limitante difficile da mandare via! 

Ti assicuro però che ora che mangio lentamente e gusto ciò che mangio, mi son fatta del bene smettendo di utilizzare comportamenti alimentari dannosi, e non mi ritengo per questo meno passionale. La mia personalità è rimasta intatta, nel lavoro, nei rapporti di amicizia, in famiglia e nella relazione affronto sempre tutto con lo stesso impeto e foga di quando avevo 25 anni.  

Prova anche tu a capire se hai una intima credenza che ti impedisce di fare dei cambiamenti per rendere la tua vita migliore. Se la trovi, non aver paura di cambiarla subito! Non sarà certo questo che cambierà la vera te stessa perchè tu sei molto di più di una credenza, sei un insieme di tantissime cose meravigliose!







mercoledì 29 marzo 2017

Che post del kaizen

Di un po' hai pensato male quando hai letto il titolo del post vero? :-) 
Sai cos'è il Kaizen? 


E' la composizione di due termini giapponesi, KAI che significa cambiamento, e ZEN che significa buono, migliore. Viene usato quindi per indicare un miglioramento continuo. È stato coniato  per descrivere la filosofia dell'industria Nipponica negli anni ‘80 con particolare riferimento alla Toyota e al successo che ebbe, proprio grazie all'applicazione di quetso metodo. 

Kaizen è un rinnovamento fatto a piccoli passi, piccole azioni, da farsi giorno dopo giorno, con continuità, in radicale contrapposizione a tutto ciò che propone grossi cambiamenti o rivoluzioni immediate.
Inutile dirvi che è la filosofia con la quale vivo ogni giorno e che cerco di trasferire alle persone che fanno coaching con me. 
Mi diverte ed è utile raccontarvi questo dialogo, svoltosi proprio pochi giorni fa, con una mia cliente di Personal Coaching, il servizio con cui seguo una persona per 1- 3 o 6 mesi continuativamente.


Io: "Allora cara facciamo il punto della situazione? Dimmi un po' cosa c'è di buono che ormai è acquisito e cosa invece è ancora da migliorare"
Lei:"Sai non credo di essere dimagrita molto, forse un chilo o due ma non lo so perché non mi peso più."(e prima si pesava anche due volte al giorno ogni giorno) 
Io: "Ok, ma cosa fai di positivo adesso, che PRIMA NON FACEVI?"
Lei: "Mmmhmm fammi pensare...cammino tutti i giorni almeno 3 km per andare al lavoro."
Io: "Poi?"
Lei:" Mi alleno due volte a settimana a casa con gli esercizi anaerobici, ma per poco sai al massimo per 40 minuti!"
Io (inizio a sorridere): "Ah bene e cos'altro?"
Lei:"Ah si, ecco, ho modificato il modo in cui mi parlo, ora non mi dico più cose brutte ma sono sempre più positiva e gentile con me stessa."
Io "Fantastico questo! C'è ancora altro?"
Lei: "Beh, non faccio più abbuffate da un sacco di tempo, però non ricordo da quanto, e prima mi succedeva ogni pomeriggio."
Io: (faccio finta di essere stupita, ma lo sapevo già): "Wow! E poi?"
Lei: "Ah, dalla scorsa settimana ho iniziato a fare la spesa mirata come mi hai insegnato tu, senza sprechi e leggendo le etichette, per tutta la famiglia"
Io ormai annuisco e basta perché lei va a ruota libera.
Lei: "Ah e mi ricordo sempre di fare gli spuntini sani, e praticamente non bevo più vino dal lunedì al venerdì, e ho preso appuntamento con la palestra per iniziare ad allenarmi con un personal trainer, mangio più lentamente di prima e quando sono sazia avanzo nel piatto senza sentirmi obbligata a finire tutto. E tutto ciò mi piace un sacco!!"

Insomma hai capito no? Chissenefrega del peso sulla bilancia, il dimagrimento seguirà con il tempo, ma il bello è che la ragazza in questione non si è quasi accorta dei tantissimi piccoli cambiamenti che sono ormai diventati delle abitudini consolidate, senza sforzi. Ed è così che lo stile di vita cambia e diventa sostenibile. 
Pensa se la stessa persona fosse venuta da me 6 mesi prima e io le avessi detto che partire da quel giorno avrebbe dovuto fare TUTTE QUELLE COSE ASSIEME SENZA MAI SGARRARE E DA SUBITO! Sarebbe assurdo no? Impossibile da fare giusto? Eppure le diete ti chiedono di fare questo...e non è umano credimi! :-D

Pensa ora a due piccole cose che vuoi cambiare e inizia a metterle in pratica da oggi. 
La prossima settimana prendi un altra cosa piccola e cambia quella, e vai avanti così finché non avrai creato una nuova vita! 

E se vuoi una mano io sono qui per te con il mio Personal Coaching (lo trovi sul mio sito www.luciafemio.it)! 


mercoledì 15 marzo 2017

La leggenda del saggio cinese

Provare cose nuove ci mantiene vivi, pensa che noia se facessimo sempre le stesse cose!
Eppure la maggior parte delle persone crea delle  abitudini, dei riti, degli orari, sempre uguali...gli stessi amici, gli stessi programmi in tv, i pasti, la palestra, il lavoro, ecc ecc.
Tutte queste cose quando sono ben conosciute e sperimentate diventano una specie di bozzolo protettivo, quella che viene definita la zona di confort. Li dentro ci sentiamo sicuri, stiamo comodi, ecco perché stiamo bene. Anche solo cambiare strada per andare al lavoro ci potrebbe mettere di malumore.
Invece, se da tanto tempo vuoi ottenere qualcosa nella tua vita e non ci riesci, forse è ora di provare qualcosa di nuovo. :-)
Potrebbe essere un nuovo tipo di allenamento, o un cibo nuovo, o cucinare al vapore se cucini solo in padella, o ordinare una centrifuga invece del cappuccino, o uscire con un gruppo di amici diverso dal solito, o fare del coaching o frequentare un corso di formazione.
Immagina il cambiamento come un muscolo che quindi va allenato. Ogni volta che scegli di uscire dalla confort zone, stai allenando quel muscolo e diventerà così sempre più facile cambiare e la paura della novità si allontanerà.
Ti arriveranno così nuove risorse, idee e conoscenze che ti porteranno a raggiungere il tuo obiettivo.
Che cosa hai voglia di provare questa settimana? Fammelo sapere nei commenti dai!!


Ti saluto con questa storia che a me ha sempre affascinato tanto:

C'era una volta un contadino cinese, era molto povero, per vivere lavorava duramente la terra con l'aiuto di suo figlio, ma possedeva il grande dono della saggezza.
Un giorno il figlio gli disse:
"Padre che disgrazia, il nostro cavallo è scappato dalla stalla!"
"Perché la chiami disgrazia? "Rispose il padre "Aspettiamo e vediamo cosa succederà nel tempo."
Qualche giorno dopo il cavallo ritornò portando con sé una mandria di cavalli selvatici.
"Padre che fortuna!" Esclamò questa volta il ragazzo.
"Il nostro cavallo ci ha portato una mandria di cavalli selvatici."
"Perché la chiami fortuna!?"rispose il padre. "Aspettiamo e vediamo cosa succederà nel tempo."
 Qualche giorno dopo, il giovane nel tentativo di addomesticare uno dei cavalli, venne disarcionato
e cadde al suolo fratturandosi una gamba.
"Padre che disgrazia, mi sono fratturato una gamba."
Ma anche questa volta il saggio padre sentenziò:
"Perchè la chiami disgrazia? Aspettiamo e vediamo cosa succede nel tempo."
Ma il ragazzo per nulla convinto delle sagge parole del padre, continuava a lamentarsi nel suo letto.
 Qualche tempo dopo, passarono per il villaggio gli inviati del re con il compito di reclutare i giovani da inviare in guerra.
Anche la casa del vecchio contadino venne visitata dai soldati reali, ma quando trovarono il giovane a letto, con la gamba immobilizzata, lo lasciarono stare per proseguire il loro cammino.
Qualche tempo dopo scoppiò la guerra e molti giovani morirono nel campo di battaglia, il giovane si salvò a causa della sua gamba zoppa.
 Fu così che il giovane capì che non bisogna mai dare per scontato né la disgrazia né la fortuna, ma che bisogna dare tempo al tempo per vedere.

mercoledì 8 marzo 2017

Aerobico vs anaerobico l'eterna lotta...

Che dici amica ne abbiamo già parlato abbastanza?? Ehehe :-D Questa settimana ho pubblicato un post sull'argomento e anche un video (puoi vederlo QUI) ma in effetti non ti ho spiegato qual'è la differenza tecnica tra i due tipi di allenamento. Naturalmente lo racconterò "come magno", non me ne vogliano i personal trainer! Il mio intento è allargare la base delle persone che conoscono questi concetti ma, per un buon allenamento consiglio caldamente di farsi seguire da un professionista!

L'esercizio aerobico è un allenamento in cui l'ossigeno è parte fondamentale della creazione di energia muscolare. Sono esercizi di durata maggiore di due minuti e mezzo e che si esplicano di solito in durate medio lunghe. La frequenza cardiaca deve rimanere all'incirca entro l'85% della massima frequenza cardiaca teorica. Fanno parte di questo tipo di allenamento la corsa, la bicicletta, il nuoto, il podismo, lo sci di fondo e tutte le macchine in palestra cosiddette di "cardio" (esercizi cardiovascolari). 

L'esercizio anaerobico è un allenamento in cui l'energia viene data non dall'ossigeno bensì da muscoli e ossa. Lo riconosciamo perché è di brevissima o breve durata, causa dolore muscolare e dopo un po' dobbiamo interrompere perché non riusiamo a sostenerlo a lungo. Lo sono gli allenamenti con i pesi o gli esercizi che prevedono uno scoppio di energia veloce e potente, magari in serie, ma con un numero limitato di ripetizioni. 

Attenzione amica perché anche un esercizio apparentemente aerobico, può diventare anaerobico se ti accorgi che ti manca il fiato o ti fanno male i muscoli. Un sistema semplice per capire quale tipo di esercizio stai facendo è provare a parlare...se non ci riesci quasi sicuramente sei in fase anaerobica...a quel punto rallenta un po' e torna a respirare. :-) 

8 consigli pratici:

1-L'aerobico va mantenuto almeno per venti minuti per avere benefici reali.

2-L'aerobico aiuta a bruciare grasso ma deve essere fatto per un tempo lungo (almeno 30-40 minuti) e almeno 4-5 volte a settimana.

3-E' importante usare un cardiofrequenzimetro per assicurarsi che il battito cardiaco rimanga entro la soglia aerobica.

3- Quando in palestra frequenti i corsi da sala di tipo gag o total body si tratta spesso di Interval Training, ed è un workout caratterizzato da una successione di esercizi alternando bassa e alta intensità.

4- Lo spinning è un allenamento aerobico o misto, a seconda dei ritmi che il tuo allenatore ti farà fare, parla con lui per avere informazioni  ed essere sicura che sia in linea con i tuoi obiettivi.

5- L'esercizio aerobico allena comunque il cuore che è un muscolo!

6- Se puoi allenarti solo due o tre volte a settimana e vuoi dimagrire e tonificare, dai precedenza all'allenamento anaerobico che costruisce muscolo, il quale brucia anche a riposo.

7- Qualunque allenamento intraprendi, fai prima una visita medica e scegli con cura l'abbigliamento e le scarpe adatte!

8- Dìvertiti!!!!


Al corso Giusto Peso Per Sempre di sabato 11 Marzo a Milano (vai QUI per info)potrò chiarirti altri dubbi sull'argomento e spiegarti come mi alleno io, per obiettivi!  Potrai formulare il tuo obiettivo di movimento e renderlo da subito reale e praticamente raggiungibile! Ti aspetto al corso!

La tua coach
Lucia 




mercoledì 1 marzo 2017

Pronta a correre? Tre, due, uno, viaaaaaa

Buongiorno cara amica, questo mese cambiamo completamente argomento e parliamo di sport e motivazione! Ti piace l’idea? Siamo a Marzo, iniziano le belle giornate e quella voglia di muoversi, andare a correre, andare in palestra…o forse no? Dai dai lo sai benissimo che fare sport almeno due volte a settimana e costantemente tutto l’anno ha un sacco di benefici! Eccoli qua:
  • protezione cardiovascolare
  • mantenimento del peso corporeo ideale
  • rinforzo delle articolazioni
  • controllo ormonale
  • ritardo dell'invecchiamento
  • benessere della psiche
  • migliore ossigenazione
  • aumenta le difese immunitarie

Adesso ti sei convinta? Sei già con le scarpette ai piedi pronta a uscire a correre? Nooooooo???
Ci sono cose che, anche se sappiamo che dovremmo farle, non facciamo comunque. La nostra mente inconscia è programmata per scegliere sempre le attività che diano il massimo risultato con il minimo sforzo, e fatica ad immaginare i benefici a lungo termine. Soprattutto se non hai mai fatto sport in maniera regolare, ti viene difficile motivarti a fare una cosa che effettivamente comporta uno sforzo fisico.

Gli sportivi abituali invece conoscono benissimo le sensazioni che dà l’allenamento costante, quei piaceri che si percepiscono anche subito dopo il workout. (Ti invito intanto a leggere questo post su come motivarsi immaginando il dopo palestra).
Oggi desidero che ti concentri su tutti i piaceri ai quali non hai mai pensato. Sai che fare sport:

-Facilita il sonno!:Significa che se ti alleni al mattino o nel primo pomeriggio(non la sera) quella notte dormirai molto meglio.

-Amplia le amicizie: perché ti permette di incontrare subito gente nuova, probabilmente simpatica e che ha voglia di stare bene proprio come te(e chissà… se sei single magari puoi anche trovare l’amore).

-Stimola la creatività: se sei una professionista o segui dei progetti importanti, andare ad allenarti non solo scaricherà le tensioni ma ti farà venire grandi idee. Mentre corri o ti alleni fai caso a dove vanno i tuoi pensieri…ti porteranno ad associazioni mentali inaspettate e fantasiose, a volte geniali.

-Risolve i problemi: se hai un dilemma, devi prendere una decisione importante e non sai come scegliere, vai a camminare per un’ora, quando torni avrai probabilmente la decisione in tasca.

-Innalza l’autostima: appena finito di allenarti ti sentirai un leone, una bellezza rara, e ti guarderai allo specchio con orgoglio e fierezza.

Vai ad allenarti oggi, e focalizzati su come ti senti, divertiti a trovare altri benefici effetti secondari e se ti va scrivimeli, così allungo la lista!

La tua coach

Lucia

mercoledì 22 febbraio 2017

Ti sembra niente il sole, la vita, l'amore?

Sto per darti uno strumento così potente, così grande e così semplice che inizierai ad utilizzarlo da oggi stesso, da appena finito di leggere questo post,  non ne vedrai l’ora, dopo che ti avrò raccontato quali sono i suoi benefici!

Questo fantastico mezzo di risveglio mentale e di rilassamento è la disposizione d'animo di Gratitudine
Essere grati, ringraziare per qualcosa, ti permette di sciogliere immediatamente qualunque tensione, sia fisicamente che emozionalmente, e di centrarti, per poter poi proseguire con le tue attività, quelle che ti stanno veramente a cuore. 
Se ti senti grata per ciò che possiedi già e lo vivi come un grande regalo(il tuo lavoro, il tuo partner, i tuoi figli, ma anche il cielo, le nuvole, la terra, la salute!), non solo ti senti subito più felice, ma ti metti anche nella condizione di VOLER FARE, di motivarti ad agire nell'interesse del bene, perchè la gratitudine implica la voglia di ricambiare il dono che ci è stato fatto.

Se passi tutta la giornata a lamentarti, a incavolarti con questa o quella persona, o con i politici, o a darti delle colpe, secondo te quanto potrà essere “produttiva” e benefica una tua giornata? 
Immagina invece la bellezza di un giorno intero in cui tu sia sempre felice  e soddisfatta. Quanto sarebbero migliori i rapporti con gli altri, quanto sarebbe più facile ottenere ciò che ti sei prefissata sul lavoro, quanto più piacevole rimanere “on track” nella tua decisione di mangiar sano o di ascoltare la sazietà e non abbuffarti?

Per sperimentare questa sensazione fantastica della gratitudine fai così:

Fermati un momento dove ti trovi adesso e guardati intorno. Quante cose belle vedi?(un fiore, un prato, una bella donna/uomo, un film, un cartellone pubblicitario, un bambino…) Quante cose interessanti vedi? (automobili, mostre, libri, persone, edifici, animali, servizi,…) Quante cose utili vedi?(utensili, automobili, vestiti, scarpe, detersivi,negozi…)
Ora ringrazia l’Universo(o Dio o l’Entità Superiore in cui tu credi) per ognuna di queste cose! La formula da utilizzare è questa: “Grazie Universo per avermi dato le scarpe con cui posso fare tanta strada comodamente e non bagnarmi i piedi quando piove, e che sono anche bellissime da vedere”.

Per ogni cosa trova almeno due ragioni per cui sei grata, se sei da sola dillo a voce alta se no, dillo mentalmente. 

Ti saluto con questa canzone. :-)



Meraviglioso- Domenico Modugno

E' vero credetemi è accaduto
di notte su di un ponte
guardando l'acqua scura
con la dannata voglia
di fare un tuffo giu'
D'un tratto
qualcuno alle mie spalle
forse un angelo
vestito da passante
mi portò via dicendomi così:
Meraviglioso, ma come non ti accorgi
di quanto il mondo sia meraviglioso,
meraviglioso perfino il tuo dolore
potrà guarire poi meraviglioso
ma guarda intorno a te
che doni ti hanno fatto
ti hanno inventato il mare
tu dici non ho niente
ti sembra niente il sole
la vita, l'amore
Meraviglioso il bene di una donna
che ama solo te meraviglioso
la luce di un mattino
l'abbraccio di un amico
il viso di un bambino meraviglioso
meraviglioso
meraviglioso
meraviglioso
Meraviglioso
ma guarda intorno a te
che doni ti hanno fatto
ti hanno inventato il mare
tu dici non ho niente
ti sembra niente il sole
la vita, l'amore
meraviglioso il bene di una donna
che ama solo te meraviglioso
la notte era finita
e ti sentivo ancora
sapore della vita meraviglioso
meraviglioso meraviglioso
meraviglioso meraviglioso

Lucia Femio - Trainer & Coach: Ti sembra niente il sole, la vita, l'amore?

Lucia Femio - Trainer & Coach: Ti sembra niente il sole, la vita, l'amore?: Sto per darti uno strumento così potente, così grande e così semplice che inizierai ad utilizzarlo da oggi stesso, da appena finito di le...

mercoledì 15 febbraio 2017

Perdono [per-dó-no] s.m. Remissione della punizione nei confronti di chi ha commesso una colpa.

Continuiamo a parlare delle cose da fare per liberarti dal Grasso Emozionale. Un altro “rotolino” di questo adipe che abbiamo nella testa (virtualmente parlando eh!) è costituito da tutte quelle cose che non abbiamo mai perdonato.
Torti subiti, offese, le cose più grandi e quelle più piccole, se non perdoniamo la persona che ci ha fatto sentire di subire un’ingiustizia, non saremo mai libere al 100%.  
La prima persona da perdonare sei TU! 
Se non lo fai, continuerai a sentirti perennemente in colpa e questo non aiuta affatto se vuoi tornare in forma con leggerezza e semplicità!
Per spiegare ciò che succede quando non ti perdoni ecco un esempio:
Immagina di essere arrabbiata con il tuo partner per qualche cosa che ti ha fatto…finché non lo perdoni (di solito finché lui non chiede scusa e fate la pace) in qualche modo assumi degli atteggiamenti punitivi verso di lui. Magari gli parli a stento o usi un tono burbero, o tieni il broncio. Forse non lo baci. O magari decidi che per questa settimana le sue magliette se le ripone da solo nel cassetto e gliele lasci sullo stendibiancheria(io faccio così!! ahah
😁), fino a c’è chi tradisce o offende o parla male del marito con gli altri.
Con te stessa metti in atto esattamente questo comportamento, solo che non te ne accorgi! Se ti dai la colpa di qualcosa, ad esempio del tuo sovrappeso, delle abbuffate,  o delle diete fallite, in qualche modo ti stai punendo. Magari ti punisci continuando ad abbuffarti, o usando un dialogo interno dal tono cattivo e offensivo(“che balena che sono!”), o poltrendo sul divano ogni sera invece di andare in palestra, o bevendo troppo, o digiunando, o parlando male di te quando parli con gli altri, o sabotandoti sul lavoro, o vivendo relazioni depotenzianti con l'altro sesso.
Ti viene in mente di aver fatto anche solo una di queste cose? Se si, capisci anche quanto sia 
importante che tu perdoni te stessa!


Ti lascio un semplice esercizio da fare per iniziare questo percorso di liberazione.
E’ ispirato a uno un po’ più lungo di un bravissimo formatore che scoperto da poco, si chiama Daniel Lumera, e spero non si offenderà se ho modificato un pochino la sua risorsa.
Prenditi un momento per te stessa, un foglio di carta bianco e una penna e scrivi una lettera che cominci così:
“Cara Lucia(il tuo nome ovviamente) ti perdono per…”e scrivi tutte le cose di cui ti vuoi perdonare a ruota libera finché la tua mano si ferma. Aggiungi ancora qualche cosa per cui ti vuoi perdonare. Sigla la lettera con questa frase “Sei la mia migliore amica e ti amo e ti apprezzo così come sei”.
Poi butta la lettera pensando di affidarla all’Universo.

Fonti:
"La cura del perdono" Daniel Lumera, Mondadori
http://www.danielumera.com/
http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/P/perdono.shtml
 



mercoledì 8 febbraio 2017

Butta i sensi di colpa nel cesso


Amica! Come stai? Hai veramente voglia di iniziare a perdere peso? Si????
Ciò che puoi e devi fare è liberarti dal Grasso Emozionale.  Probabilmente non sapevi nemmeno di averlo questo vero? ;-) Hai presente il grasso viscerale? Quello che si accumula attorno agli organi interni, invisibile, pericolosissimo, e insidioso? (Fammi sapere se non lo conosci che ci scrivo un post per spiegartelo). Il grasso emozionale gli assomiglia molto, non si vede ad occhio nudo, ma ci attacca dall’interno e, dato che non sappiamo di averlo, è molto difficile da mandare via. Questo tipo di grasso è formato da varie emozioni depotenzianti, e una di queste è il senso di colpa. Ci sentiamo in colpa perché abbiamo fatto una(due, dieci, cento) dieta(e) in passato ma non abbiamo perso peso. Oppure perché lo abbiamo perso, ma poi lo abbiamo ripreso tutto e con gli interessi. Ci sentiamo in colpa perché siamo state brave tutta la settimana e nel week end ci siamo sfondate di vino o di aperitivi o di dolci. Oppure perché per anni abbiamo vomitato o digiunato.
Ti dirò qualcosa che potrà sembrarti strano al momento, ma poi, gradualmente, ti risuonerà sempre di più, finché ti ci ritroverai come in una seconda pelle.

NON E’ STATA COLPA TUA!!!!

La tua mente ti ha portato a fare determinate azioni perché per lei quello era il modo migliore di risolvere una situazione. Ne parleremo più approfonditamente nei prossimi post, ma per ora dammi fiducia e inizia a ripeterti  queste parole: NON E’ COLPA MIA. Solo pensare in questo modo servirà ad alleggerirti magicamente di un peso sulla coscienza e poi ti alleggerirà anche fisicamente. Quando una cliente viene da me per la prima volta le dico “Quando uscirai da quella porta a fine sessione, lascerai i sensi di colpa sul mio pavimento, penserò io poi a buttarli nel cesso”.
Ecco cosa puoi fare se adesso sei a casa o in ufficio: vai in bagno, chiediti “Per che cosa mi sento in colpa?”. Poi individua la posizione fisica di questa emozione (Nel petto? Nello stomaco? In gola?) fai un gesto con le mani come a prendere questo “peso” e accompagnalo verso il water come se stessi tenendo un sasso vero e proprio. Lascialo cadere. Guarda per un attimo i sensi di colpa giù nella tazza e poi…tira l’acqua! Puoi anche dire allegramente “Ciao ciao!”, ora sorridi e tira indietro le spalle di due cm. Torna alle tue cose sentendoti più leggera.
Nel prossimo articolo parleremo di un’altra forma di grasso emozionale: le cose non perdonate, e di come lasciarle andare. Non mancare!

La tua coach

Lucia