venerdì 22 dicembre 2017

Le sette regole per non ingrassare a Natale



Eccoci arrivati al periodo più bello dell’anno, mancano solo tre giorni al fatidico pranzo di natale! 





Hai una vaga idea di quante calorie ingerisce l'italiano medio al pranzo del 25? Per un classico menu composto da: un antipasto di salumi misti e pane, qualche tartina al salmone e un cocktail di gamberi, tortellini in brodo/lasagne, Cappone/arrosto di arista,fetta di panettone/pandoro, torrone,Vino bianco o rosso.

Un totale di circa 2780 kilocalorie! 

(non ti spaventare adesso, continua  a leggere che più giù ti do delle dritte!!)


Dicevamo...è un pranzo meraviglioso, da gustare in compagnia, ma contiene l’equivalente di due giorni di calorie necessarie in un solo pasto. Ecco allora qualche trucco per passare indenni attraverso questo meraviglioso pasto:

1-   Mangia lentamente. Fermati tra un boccone e l'altro per chiacchierare, gustare il cibo, osservare i parenti, guardare fuori dalla finestra la neve che scende(se c'è) e insomma qualunque cosa che possa intervallare un boccone con l'altro. Gusterai di più e darai il tempo al tuo stomaco di indicarti la sazietà.

2-  Prepara il tuo menu con le giuste portate quindi 1 o al massimo 2 antipasti, 1 primo, 1 secondo, dell’insalata, 1 dolce e della frutta leggera (mandarini, mele). Noi italiani abbiamo sempre la paura di avere troppo poco da mangiare o che gli ospiti muoiano di fame…col risultato che mangiamo più del dovuto e avanziamo pure!

3-  Idratati. Bere acqua permette di mangiare di meno e di digerire meglio quello che mangi.

4-   Non “lasciare spazio per dopo”. Non saltare la colazione per avere lo stomaco affamato pronto per l’arrosto! Fai la colazione e i gli spuntini come sempre, in questo modo arrivererai a pranzo con la giusta fame e non affamata morti!

5-  GODITI OGNI BOCCONE!! Assaporare il cibo è il modo migliore per mangiare lentamente e sentire prima la sazietà!

6-   Fai movimento. Il giorno prima una bella corsa o camminata veloce di almeno 30 minuti e se ti è possibile, anche la mattina di Natale. Se questo non è possibile dopo il pranzo proponi ai tuoi cari la passeggiata invece che metterti sul divano a guardare tv o giocare a carte! Una bella camminata in centro o al parco saranno meravigliosi!

7-  Lascia in cantina i sensi di colpa. Non è ciò che fai una volta all'anno che ti fa ingrassare ma ciò che fai tutti i giorni, la normale routine. Quindi goditi anche il cibo in più(fermati prima che ti venga mal di pancia però!) e poi torna al tuo normale stile alimentare...anche se dovessi prendere uno o due chiletti sotto le feste stai tranquilla che se ne andranno da soli come sono venuti.

Il vero senso del natale NON E’ lo stra-mangiare bensì stare in famiglia, in compagnia e prendersi cura l’uno dell’altro donando amore e attenzioni, e per chi è credente ovviamente festeggiare la nascita del bambino Gesù con tutto il significato che porta con sé!


Enjoy!!
Dalla tua coach
Lucia 

mercoledì 25 ottobre 2017

I miei guru :-)

Ed eccoci qui, ti svelerò quali sono i miei mentori nelle varie aree della vita. 

Essi sono stati fondamentali per avvicinarmi sempre di più ai miei obiettivi, passo dopo passo e chiedendo chiarimenti ogni qualvolta avevo dei dubbi su che strada prendere. 

Non necessariamente sono persone che conosco, anzi, dato che cerco l'eccellenza, spesso sono personaggi pubblici e noti per la loro serietà e competenza. Quindi leggo i loro libri, li seguo sui social e faccio il possibile per incontrarli dal vivo.



Hai mai sentito parlare della Ruota della Vita? Se no,cercala in internet o scegli un bravo coach, acquista un'ora di consulenza con lui/lei, e chiedi di svolgere questo fondamentale esercizio assieme (puoi farlo anche con me se ti fa piacere).

La ruota della vita divide la nostra esperienza in sei aree principali:


  1. Famiglia
  1. Salute/fisico/vitalità
  1. Svago
  1. Crescita personale/missione
  1. Contributo al mondo
  1. Lavoro
  1. Vita sociale
  1. Finanze




Se volessi darti un voto da 1 a 10 in ognuna di queste aree, quanto ti daresti? Tieni presente che la prima volta che si compila la ruota, è normale averne alcune a livelli buoni o eccellenti (dal 8 al 10) alcune medie e almeno un paio nelle quali si è sotto il 5. La ruota insegna che la cosa importante è avere una certa armonia tra tutti questi aspetti perché se ne trascuri troppo uno e concentri tutto su un altro rischi di portarti sulla strada di una sofferenza futura. Un esercizio come questo, se fatto bene, con un coach, e facendone seguire delle strategie concrete per migliorare, è potentissimo per rimetterti sulla giusta carreggiata.

Tornando ai mentori però..


Quando io anni fa feci questo esercizio per la prima volta mi trovavo al corso di Anthony Robbins "Awake the Giant Within", nel quale lui parla tantissimo dell'importanza di seguire quelli che sono i Maestri. Quindi decisi che per ogni area ne avrei trovato almeno uno. :-)

L'area "Fisico/salute e vitalità", questa è una di quelle che mi sta più a cuore perché ne ho fatto la mia professione di Diet coach e di Fertility coach. Senza questa "base", cioè un fisico attivo ed energico, e senza la salute, è impensabile riuscire a raggiungere gli obiettivi di tutte le altre aree, non credi?

I miei maestri in questo campo sono:

-Emily Skye, per la dolcezza di carattere e la tenacia nell'allenamento, e anche per il tipo estetico che lei rappresenta cioè muscoloso e tonico ma con le curve giuste. Inoltre è australiana ed ora è pure incinta!! Perfetta! :-P

-Il Dottor Filippo Ongaro, per la parte alimentazione, integrazione e energia. Di lui "divoro" i libri e metto in pratica i consigli, purtroppo non son ancora riuscita a partecipare a un suo corso dal vivo ma spero di farlo presto. 

-Marco Bianchi per lo stile in cucina, veloce, pratico, quasi vegan o comunque quasi vegetariano, ma con allegria e con l'occhio puntato alla salute. Lo seguo sui social, ho partecipato a una class di cucina con lui, e appena fa qualche conferenza in zona e so che posso andarci non me lo perdo!

Quali sono i tuoi mentori in questa area? Vuoi prenderne "in prestito" qualcuno dei mie! E' questo il bello, puoi farlo!
Se non hai idea di chi siano i tuoi mentori cercali consciamente a partire da oggi e trovane almeno uno, e poi se ti va, condividilo con me e con gli altri lettori commentando questo post.

Alla prossima!
Lucia 


Ps: Se vuoi fissare una coaching per fare con me l'esercizio della ruota della vita, trovare i tuoi mentori e le strategie da seguire per raggiungere i tuoi obiettivi e migliorare l'area che è più debole, prenotati qui ad un prezzo superspecialissimo
https://lucia-femio.youcanbook.me/




giovedì 12 ottobre 2017

L'importanza del mentore

Mèntore: dal nome di un personaggio dell’"Odissea" e poi di "Les aventures de Telemaque"di F. Fénelon, è colui che aiuta e consiglia Telemaco, figlio di Ulisse, durante l’assenza del padre. Significa fido consigliere, guida saggia e paterna.



Un mentore è qualcuno che noi eleggiamo come guida, può essere una persona che conosciamo ma anche ad esempio, un autore dei tempi passati. Nei momenti più difficili, il mentore ti aiuta a trovare la strada giusta da percorrere, ti da delle "dritte" per raggiungere un obiettivo che lui ha già raggiunto. Questo principio è anche il cardine della Programmazione Neuro Linguistica, la quale parte dall'assunto di base per il quale se una persona ha successo in un certo campo, posso copiare il suo comportamento(e le sue credenze e le sue emozioni) e avere successo anche io.

Un Mental Coach può essere un mentore, ma quando parliamo di raggiungere obiettivi è meglio cercare una persona che ha già fatto una determinata strada e ha avuto successo, ecco perché ci accodiamo a lui, perché ci indichi la scorciatoia e ci faccia fare meno errori possibile. 
Non fanno forse la stessa cosa i genitori con i figli? Se insegnano loro a prendere la pentola bollente con le presine di stoffa è per evitare di fargli bruciare le dita...loro a loro volta lo hanno imparato dai loro genitori, ma chissà, all'inizio dei tempi ci sarà stato qualcuno che scolando la pastasciutta si è bruciato! :-) 

A parte gli scherzi, se ci pensi, quasi in ogni cosa abbiamo un mentore, ne abbiamo tanti e spesso non sono scelti consapevolmente ma ce li siamo ritrovati (genitori, professori, medici di famiglia,ecc). Per cuocere la pasta non è necessario avere chissà quali competenze specifiche, ma quando si parla di come gestire la propria vita personale, raggiungere il successo a scuola o nel lavoro, avere il massimo benessere fisico e finanziario, fino a imparare le cose più specialistiche, diventa FONDAMENTALE SCEGLIERE BENE. 

E tu hai scelto da sola i tuoi mentori? 

Se ti sembra di no, prendine coscienza e inizia a individuare dei riferimenti nelle varie aree della tua vita. Quando poi scegli un mentore proponiti, e fagli delle domande. Chiedigli/le "Tu che hai avuto successo in questa cosa, mi insegni la via più breve per arrivare in cima come te?". Non aver paura che le persone non vogliano svelarti i loro segreti..il più delle volte gli altri sono lusingati quando vengono riconosciuti come mentori e  non vedono l'ora di trasmetterti tutto il loro sapere. :-) 

In un prossimo post ti svelerò la lista dei mentori che ho per le varie aree della mia vita quindi se sei curiosa non perderti il post di mercoledì prossimo.

Ciao!!

giovedì 5 ottobre 2017

Perché alleno parte bassa e parte alta separatamente

Fin da quando ho iniziato ad andare in palestra seriamente (correva l'anno 2000 dc) vedevo i maschietti allenarsi per gruppi muscolari e le donne invece fare quelle mega schede lunghissime che comprendevano tutto il corpo ad ogni seduta.

Naturalmente feci così anche io per alcuni anni, finché trovai un primo istruttore illuminato (non si usava ancora il personal trainer :-D ) il quale mi insegnò ad allenare il corpo dividendolo per gruppi muscolari. Risultato? Andavo in palestra tutti i giorni perché altrimenti non sarebbe bastata una settimana, per allenarmi in maniera armoniosa! 
Mi innamorai poi dei corsi da sala e per anni feci di tutto: gag, aerobica e step come se non ci fosse un domani. Mi appassionai poi alla corsa e poi allo spinning che feci per circa due anni. Poi pilates e pesi. 
Quando conobbi mio marito, un appassionato di palestra e body building, ricominciai ad allenarmi a “pezzi”, suddivisi in 5 allenamenti settimanali, ma a quell'epoca avevo ancora il tempo e la libertà di farlo, perché non ero ancora mamma. 
Negli ultimi due anni ho cercato una soluzione compatibile con i nuovi ritmi familiari, mi alleno quindi seguendo questo schema : 1 volta upper body (braccia petto e spalle) , una volta lower body (gambe, glutei, polpacci), un volta core (plank e addominali). Se avanza (per miracolo) una volta in più faccio esercizi cardio. :-)

Il bello di questo è che al massimo in 4 volte hai fatto VERAMENTE tutto, ma anche gli allenamenti importanti sono 3 ed è questo un  numero che per ora mi sento di potermi quasi garantire. 

Il quarto se c’è bene e sennò pazienza. 
E anche che se mi voglio allenare a casa o all’aperto posso farlo sia con l’allenamento plank che con l’hiit. 
Altro vantaggio, non ho mai i doms (dolori dopo allenamento) a tutto il corpo insieme ma sempre a una parte sola, tipo quando ho le gambe a pezzi, faccio fatica a scendere le scale e sedermi sulle sedie, a almeno le braccia e il petto stanno bene e, se avete mai provato, sapete cosa significa avere i doms in tutto il corpo!

Il mio consiglio è quindi, inizia con un allenamento full body, se è la prima volta che vi avvicinate ad una palestra e poi passate a quello split (suddiviso) cosicché possiate vedere crescere più intensamente i muscoli e la vostra forma. 



Buon allenamento e al prossimo articolo!

mercoledì 12 luglio 2017

Le ricette più amate

Cara amica chiamarle ricette potrebbe essere riconosciuto come un insulto agli chef e a tutte le brave food blogger che si impegnano sui social per proporre delle buone cose da mangiare, ma dato che me le avete chieste in tante, eccole qui. :-D
Ormai mi conosci e sai che non amo particolarmente cucinare, sopratutto in questo periodo di superlavoro e che quindi trovo delle mie soluzioni moooolto veloci per utilizzare al meglio gli ingredienti che ho in dispensa e nel frigo, seguendo uno stile di vita sano e facendo in modo che i risultati siano sfiziosi...ma non troppo... ehehe.

Plum-scarto
Lo preparo tutte le settimane con i residui di fibra del  mio "Juice Day", cioè quelli che trovi nella centrifuga dopo aver estratto il succo di frutta e verdura. Con un plum-cake vengono circa 8 porzioni e si conservano per quasi tutta la settimana.
INGREDIENTI
Due cucchiai di yogurt greco bianco o di soia
100 ml di olio di semi
200 gr di fibre di frutta e verdura scarti della centrifuga
80 gr di zucchero di canna
100 gr di farina 
100 gr di farina integrale
1bustina di lievito vanigliato

PROCEDIMENTO

Yogurt, zucchero, olio e fibre di frutta e verdura nel boccale de Bimby, 10 secondi velocità 4-5. Setaccia la farina (ma non quella integrale!) e lievito e aggiungili, 1 minuto velocità 2-3. Metti in uno stampo da plumcake medio e cuoci in basso nel forno per 45 minuti a 180°, poi spegni il forno e lascia ancora per 15 minuti. Verifica con lo stecchino la cottura e servi se vuoi spolverato con zucchero a velo. Oppure spargi dello zucchero di canna sulla superficie prima della cottura e si formerà una bella crosticina (io di solito ne faccio metà con la crostina di zucchero e metà senza così ognuno sceglie se lo vuole più o meno dolce/calorico).


Finocchi gratinati alla Femio

Velocissimi e se vuoi puoi sostituire i finocchi con il radicchio rosso di Treviso ;-) 

INGREDIENTI



4 finocchi
Olio di oliva
Fiocchi d'avena medi
Parmigiano, mozzarella (se piace)
Sale
Pepe

PROCEDIMENTO

Togli la base e i gambi del finocchio, taglia a spicchi non troppo grossi(tipo in 6), posizionali sulla placca del forno con la carta forno, mettili tutti uniti uno vicino all'altro, poi condisci con 1 cucchiaio d'olio per ogni finocchio, sale, pepe se ti piace, ricopri con fiocchi d'avena e a se vuoi aggiungi mozzarella o una grattata di parmigiano. In forno a 200° circa per almeno 20 minuti, quando vedi che l'avena ha fatto la crosticina e i finocchi sono morbidi tirali fuori.



venerdì 26 maggio 2017

Chi semina di nascosto raccoglie molto di più


Ho aperto la mia attività come Diet Coach e Fertility Coach in maniera professionale a gennaio di quest’anno. 
A volte ancora mi stupisco quando ricevo un mail o un sms di nuove clienti che vogliono fare coaching. 
Domande da clienti acquisite (quasi amiche!) che mi scrivono “Lucia ci sentiamo un attimo che ho bisogno?".
Oppure, persone sconosciute “Ho letto di lei qui o li, e vorrei tanto parlarle per iniziare a stare meglio." 

Ognuno di questi messaggi mi fa sentire per un momento incredula e fortunata. Poi però ci penso meglio e mi rendo conto che non è che tutto questo sia arrivato dal nulla. 

Alla mia tesi di laurea (In letteratura americana se te lo stessi chiedendo) portai un'autrice cino americana di nome Maxine Hong Kingston, e in uno dei suoi libri diceva “Il duro lavoro fatto in silenzio e di nascosto ti porterà poi un enorme riconoscimento da parte degli altri”.


Ho avuto modo di sperimentare la sensatezza di questa frase più volte nella vita sopratutto in questa esperienza. Avevo un amico parecchio coinvolto e interessato alla politica, e io che non ci capivo nulla e praticamente non avevo mai letto un quotidiano in vita mia, seguii il suo suggerimento e iniziai a comprare il giornale ogni giorno. Il mio obiettivo era di leggerlo tutto dalla prima all'ultima pagina, compresi spettacoli, e approfondimenti. Quando in una giornata non riuscivo a finirlo lo tenevo da parte e passavo la domenica mattina a finire tutti gli articoli della settimana. Mentre leggevo, sottolineavo ciò che non capivo e tartassavo poi il mio amico di domande per farmi spiegare concetti e personaggi. :-) 

Tutto questo studio, di cui nessuno si accorse perché svolto nell'intimità di casa mia e non in un'aula di università, mi portò grandissimi benefici! Ero più attiva e consapevole nelle conversazioni con gli altri, ero sul pezzo per quanto riguardava tutte le novità, mi divertivo a conoscere cose nuove(conobbi il metodo di cui sono coach proprio leggendone la storia su un quotidiano), nei colloqui di lavoro potevo passare agevolmente da un argomento all'altro e credo fu il plus che mi fece assumere nella grande azienda dove lavoravo a Milano. Quell'anno vinsi persino un premio su Radio Deejay al Cruciverbone di Natale proprio con una domanda sulla politica!!

Nel mio lavoro ho fatto la stessa cosa. Dal 2012 anno in cui decisi che volevo fare la coach…ho letto più di 130 libri sui quattro argomenti che tratto (miglioramento personale/pnl; benessere/dieta/stile di vita sano; legge di attrazione/spiritualità; gravidanza/fertilità). Ho frequentato innumerevoli corsi e conferenze sia in aula che web, ho preso 4 certificazioni come coach, ho erogato circa 200 ore di coaching gratuite (o quasi) ad amici e parenti, ho creato e sviluppato progetti, tabelle Excel e Gantt, ho scritto pagine su pagine di appunti, ho provato e riprovato ricette e tipi di allenamenti, ho sperimentato le tecniche di cambiamento su di me e la mia famiglia, ho costruito pagine Facebook e siti web per le mie passioni scrivendo post quasi ogni giorno. E tutto questo lavoro silenzioso e quasi invisibile sta ora dando finalmente i suoi frutti in maniera naturale, proprio come lo è il ciclo delle piante, se semini bene prima o poi raccogli.
Questo è tranquillizzante perché anche nei momenti più duri del più duro dei lavori silenziosi sai che stai traendo dei benefici...anche se li vedrai più avanti! Ma quando arriveranno...oooh allora si che potrai anche un pochino (ma poco) rilassarti. ;-) 



Ti va di raccontarmi se anche tu hai vissuto o stai vivendo un’esperienza simile? Quali conclusioni ne trai? Lascia un commento al post! 


giovedì 4 maggio 2017

3 Regole per il successo


Ho scelto come argomento per questo mese il Successo, che non significa necessariamente soldi o carriera, per come la vedo io il successo è quello delle piccole cose, quello di vivere una vita appieno, serena e godersela tutti i giorni!
Puoi usare queste regole per la tua vita privata, lavorativa, spirituale, per obiettivi di salute, come genitore, nelle relazioni, nel voler contribuire alla comunità e al mondo, o qualunque altra cosa su cui tu vuoi raggiungere un risultato.
Sono regole semplici  e concrete, che ho appreso dai migliori trainer e formatori del mondo, che uso quotidianamente e mi aiutano ogni giorno a raggiungere ciò che mi prefiggo.
Queste tre colonne della formazione sono i più forti e coerenti che mi sia capitato di incontrare e ascoltare. A fondo pagina ti segnalo libri e link per approfondire la loro conoscenza.
  1. Regola da ANTHONY ROBBINS : Quando prendi una decisione fai sempre seguire un’azione concreta. Immagina che ti arrivi una buona idea per il lavoro, o di decidere di iniziare a mangiare più sano o di iscriverti in palestra, o di voler organizzare un week end con le amiche senza figli e mariti. Appena l'idea ti balza in testa fai seguire subito un’azione, anche piccolissima. Scrivi un appuntamento sulla tua agenda, o fai una telefonata oppure una ricerca su internet. O crea una cartella sul desktop(la mia preferita). Se farai questo, sarà molto difficile lasciar perdere quell’idea che hai avuto, perché continuerà a ronzarti in testa finché non l’avrai realizzata. Durante le mie coaching se una cliente mi dice “ Lucia ho deciso di iscrivermi in palestra.” Io rispondo " Allora adesso cerchiamo assieme la palestra più comoda per te su internet e la chiamiamo, così fissi subito un appuntamento per informazioni" Estrema? Forse, ma funziona. ;-) 
  2. Regola da BRIAN TRACY: ripeti tantissime volte una nuova abitudine che vuoi fare tua e diventerà automatica.  Quando decidi che vuoi iscriverti in palestra ma poi ci vai una volta al mese, alla quarta volta ti sei stufata  e molli, con il risultato di ritrovarti più frustrata di prima perché pensi di aver fallito. Se decidi che vuoi imparare a fare una cosa nuova devi ripeterla più volte che puoi e tutte le volte che ne hai l’occasione! Hai deciso che non vuoi più arrabbiarti con tuo marito quando lascia in giro i calzini sporchi? Comincia a farlo una volta(butta i calzini nel cesto della biancheria senza dire nulla oppure decidi di lasciarli li senza arrabbiarti), poi due, poi tre, e ti accorgerai alla ventesima che ti verrà automatico. Anche il marito però poi dovrebbe conoscere la regola 2 per imparare a esser più ordinato. :-)
  3. Regola da JACK CANFIELD: Impara di più. Leggi, studia e diminuisci il tempo che passi davanti alla tv o allo smartphone. Segnati dei momenti in agenda riservati a guardare la tv e a cazzeggiare sullo smartphone, e per tutto le altre volte invece scegli i libri.
Se ti è piaciuto il post ti propongo di usare l’hashtag #3regoledisuccesso per farmi sapere in che modo metterai in pratica i suggerimenti da ora in poi.


Anthony Robbins "Come migliorare il proprio stato mentale, fisico e finanziario", Bompiani
www.tonyrobbins.com
Jack Canfield "I principi del successo", Gribaudi
Brian Tracy "Massimo rendimento", Sangiovanni's strategies